Crea sito

Anche l’Iran accusa gli USA per l’escalation in Venezuela

Bahram Ghasemi: “Il Venezuela non ha bisogno di aiuti dagli Stati Uniti, qualsiasi intervento da parte di Washington porterà a un’escalation del conflitto”. foto en.isna.ir

TEHERAN , 6 marzo 2019: Nel corso di una conferenza stampa, il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Ghasemi,ha criticato gli Stati Uniti per aver interferito negli affari interni del Venezuela, lo riferisce l’Agenzia Stampa iraniana IRNA. Il diplomatico ha aggiunto che nella sua recente visita a Teheran, il Ministro degli Esteri del Venezuela Jorge Arreaza, ha descritto dettagliatamente la situazione nel paese.

Il ministro degli esteri venezuelano Jorge Arreaza durante l’incontro col suo omologo iraniano Mohammad Javad Zarif. foto telesurtv.net

In base alle dichiarazioni rilasciate dal diplomatico venezuelano, si può evincere che il paese latino-americano non ha bisogno degli Stati Uniti, poiché qualsiasi iniziativa di Washington, porterà inevitabilmente alla guerra civile.

Secondo Teheran, la comunità internazionale dovrebbe condannare le ingerenze degli Stati Uniti. In particolare, Bahram Ghasemi ha criticato l’atteggiamento del consigliere del Presidente degli Stati Uniti John Bolton, per aver definito “legale” un intervento militare di Washington in Venezuela.

Ghasemi, ha concluso dichiarando che l’Iran è in costante contatto col governo Bolivariano del Venezuela e i paesi che supportano il paese latinoamericano, nella speranza si possa giungere al superamento della crisi.

Luciano Bonazzi

Fonti: regnum.ru oltre a tutti i link esterni contenuti nell’articolo

Pubblicato da lantiepistocrate

Sono Bolognese, classe 1961, ex-tecnico commerciale, scrittore, viaggiatore, missionario laico. Mi occupo di geopolitica, cronaca, curiosità e tanto altro. Ho fatto il tirocinio giornalistico a Buone Notizie Bologna magazine, gestisco dal 2015 il blog Orizzonti Geopolitici - Bologna Metropolitan Gazette e dal 3 giugno 2018 il Blog Consapevolezza Polemica. Difendo a spada tratta la libertà d'opinione garantita dall'art. 21 della Costituzione della Repubblica italiana.