Crea sito

L’ipocrisia indebolisce la storia del successo europeo – Prince Michael of Liechtenstein

Dal Geopolitical Intelligence Services, riceviamo e pubblichiamo il seguente articolo del Principe Michele del Liechtenstein, Pezzo originale in lingua inglese, Self-righteousness weakens the European success story, Traduzion e adattamenti a cura della Redazione. foto Getty Images


In un nuovo rapporto sullo Stato di diritto nell’Unione europea, i leader e i funzionari dell’istituzione hanno ripreso a criticare gli Stati membri.
Dovrebbero guardarsi allo specchio, poiché le istituzioni dell’UE e i paesi leader spesso violano le regole stesse. Questa arroganza ipocrita mina gli aspetti positivi dell’Europa e rende meno costruttive le relazioni tra i paesi membri e con i partner esterni. Ad alcuni leader europei, come il presidente francese Emmanuel Macron, piace puntare il dito contro altri stati membri, come l’Ungheria, guidata dal primo ministro Viktor Orban, ma i loro paesi hanno infranto molte regole da soli.

La scorsa settimana, la Commissione europea ha pubblicato un rapporto sullo stato di diritto nei 27 Stati membri dell’Unione europea. Gli autori del rapporto hanno analizzato il sistema giudiziario di ogni paese, il quadro anticorruzione e il livello di libertà dei media. Come al solito, Polonia e Ungheria sono state selezionate per aver violato le norme dell’UE. Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e diversi paesi membri hanno espresso elogi per gli standard stabiliti nel documento, criticando anche alcuni altri paesi membri. Varsavia e Budapest si sono opposte alle conclusioni del rapporto.

Alcuni membri del blocco, vogliono utilizzare il rapporto per penalizzare i paesi non conformi limitando il flusso di fondi dell’UE [destinato a questi]. Potrebbe rivelarsi difficile. A luglio, il Consiglio europeo, in violazione di diversi principi dell’UE, ha concordato un fondo di recupero Covid-19 [il famoso Recovery Fund ndr], di circa 750 miliardi di euro e un budget per i prossimi tre anni di 2 trilioni di euro. Per ottenere il consenso necessario per il piano, l’UE dovrà rassicurare l’Ungheria e la Polonia che la loro dotazione non verrà tagliata.

Punti deboli

 

Mentre le debolezze nell’indipendenza giudiziaria dovrebbero essere eliminate all’interno di ogni stato – secondo la propria autorità sovrana – puntare il dito principalmente contro i due paesi dell’Europa centrale è ingiusto. Anche altri Stati membri hanno punti deboli. Purtroppo la corruzione esiste a vari livelli all’interno dell’UE. Sebbene la libertà di stampa sia garantita, i governi spesso influenzano i media attraverso sussidi o proprietà diretta. La Polonia, da parte sua, ha un ottimo record quando si tratta di estirpare la corruzione. Un sistema giudiziario indipendente è importante, ma è altrettanto fondamentale che le istituzioni dell’UE e i governi nazionali rispettino le regole.

La decisione di Bruxelles sul bilancio e sulla spesa per il recupero del Covid-19, viola alcune delle norme fondamentali del blocco. Diversi paesi membri hanno adottato abitudini di spesa sconsiderate (contro le normative UE), mentre la Banca Centrale Europea fa politica utilizzando strumenti fiscali ed economici (contro il suo mandato). La sentenza della Corte di giustizia europea che consente alla BCE di impegnarsi in un allentamento quantitativo risente di un’influenza politica indebita da parte della CE e dei governi membri. Questo per quanto riguarda l’indipendenza giudiziaria. Come diceva Tacito: “Più è corrotto lo Stato, più numerose sono le leggi”.

Inoltre, la marea di leggi e regolamenti emanati da Bruxelles e (soprattutto) dagli Stati membri – alcuni dei quali contraddittori – rende la conformità quasi impossibile. Molti hanno poco senso e gravano sull’economia di pesanti costi aggiuntivi. Purtroppo, questo fenomeno è diventato globale. Come disse Tacito: “Più corrotto è lo Stato, più numerose sono le leggi”. Sebbene il presidente von der Leyen abbia elogiato gli elevati standard giudiziari dell’UE all’ultimo vertice di Bruxelles, ci sono lacune in tutto il blocco.

Arroganza

 

L’integrazione europea è stato un progetto di grande successo. Abbiamo bisogno dell’Unione europea. Sfortunatamente, le istituzioni e soprattutto le burocrazie governative tendono a trasudare ipocrisia. L’arroganza si manifesta spesso, non solo nel rapporto sullo stato di diritto. Ad esempio, c’è la controversia che Grecia e Cipro hanno con la Turchia sulle zone economiche esclusive marittime. Sebbene sia comprensibile per Bruxelles sostenere gli Stati membri dell’UE, Ankara ha diversi argomenti validi. Secondo le affermazioni di Grecia e Cipro, la Turchia avrebbe poche possibilità di sfruttare i combustibili fossili al largo delle sue coste. Finora la Grecia si è dimostrata riluttante a scendere a compromessi – una posizione che Bruxelles sostiene.

Gli sforzi di esplorazione turchi ora richiedono protezione militare. Da entrambe le parti le marine sono in allerta. Come se stessero emettendo una sorta di ultimatum, Bruxelles e diversi Stati membri dell’UE hanno chiesto ad Ankara di richiamare unilateralmente la sua marina. Alcune capitali europee chiedono addirittura sanzioni, una strategia destinata a fallire. Tale retorica non è di aiuto. Risolvere la situazione richiede discussioni equilibrate, non minacce. La presidente von der Leyen ha commentato la situazione come segue: “O le tensioni stanno aumentando, che non è quello che vogliamo, o c’è un allentamento e ci stiamo muovendo verso una relazione costruttiva – questo è ciò che vogliamo”.

Possiamo ammirare l’infallibilità della sua previsione che il conflitto si intensificherà o si ridurrà. Ma si potrebbe rilevare una certa arroganza in tali affermazioni. L’UE si aspetta che la Turchia richiami le sue navi senza alcun compenso? Una relazione costruttiva implica la comprensione degli interessi dell’altra parte e la disponibilità al compromesso.

Il principe Michele del Liechtenstein ha una formazione economica ed ha operato in Canada, Stati Uniti,
Belgio e Liechtenstein. É fondatore e presidente di Geopolitical Intelligence Services AG di Vaduz.

Pubblicato da Luciano Bonazzi Bologna

Sono Bolognese, classe 1961, Giornalista, Scrittore, Viaggiatore ed ex Missionario. Dal 2015 mi occupo di geopolitica su Orizzonti Geopolitici. Ho fatto il tirocinio giornalistico a BNB magazine, frequentato il corso di Giornalismo Sociale e collaborato con Piazza Grande e Blastig news