Venezuela: La Russia denuncia le azioni destabilizzanti degli Stati Uniti

Il Presidente della Duma di Stato, Viacheslav Volodin e l’Emiro del Qatar, Sheikh Tamim bin Hamad Al Thani foto @duma.gov.ru

Il sostegno di Russia e Cina al Venezuela, è di particolare importanza nello scenario geopolitico latino-americano. Il sostegno delle due superpotenze ha fin qui salvaguardato la democrazia del paese dall’aggressività imperialista degli Stati Uniti.

Il presidente della Duma Russa Vyacheslav Volodin, nel corso della 140ma assemblea dell’Unione interparlamentare (AUI) in Qatar, ha denunciato le ingerenze statunitensi nel paese latino-americano: “Gli Stati Uniti hanno fatto tutto il possibile per minare l’economia del Venezuela. I conti esteri sono stati bloccati, USA e Banca Mondiale si sono appropriati di 30 miliardi di dollari, appartenenti al popolo di quel paese. Sono state imposte sanzioni commerciali e si sono effettuati attacchi informatici contro le infrastrutture del Venezuela”.

Le accuse lanciate dal politico russo durante l’Assemblea Interparlamentare, sono state raccolte da 1.600 legislatori provenienti da oltre di 160 paesi, riuniti a Doha, dal 6 e 10 aprile. Si tratta di un evento di alta politica, che quest’anno si concentrerà su temi come l’educazione alla pace, l’uguaglianza di genere, la promozione dei diritti umani e delle energie rinnovabili.


Il Presidente della Duma di Stato, Viacheslav Volodin e il Presidente del Consiglio consultivo del Qatar, Ahmad bin Abdullah foto @duma.gov.ru

Il Presidente della Assemblea consultiva del Qatar Ahmad bin Abdullah Al Mahmoud, durante l’inaugurazione del forum, ha dichiarato: “Il presidente della Duma, la camera bassa del parlamento russo, che posso chiamare mio amico e fratello, che onora l’ Assemblea con la sua presenza, riflette la profondità dei rapporti tra Qatar e Russia: ci incontreremo sicuramente per un faccia a faccia”.

La crisi politica in Venezuela

La crisi è iniziata il 23 gennaio scorso, quando il deputato dell’Assemblea Nazionale venezuelana Juan Guaidó, s’è autoproclamato presidente del paese. Gli Stati Uniti, sono stati il primo paese a riconoscere la presunta legittimità del se-dicente presidente e da allora tentano con ogni mezzo di destabilizzare il Venezuela.

Il legittimo presidente Nicolás Maduro, al suo secondo mandato, è stato rieletto dal popolo il 10 gennaio scorso. Nonostante la gravità degli atti perpetrati da Guaidó, finora non ha intrapreso alcuna misura contro il golpista, ma ha accusato gli Stati Uniti di essere i suoi burattinai.

A causa delle sanzioni finanziarie ed economiche imposte al Venezuela dagli Stati Uniti, il popolo venezuelano è sottoposto a enormi privazioni. Le sofferenze sono acuite dagli attacchi alle centrali elettriche da parte di terroristi formati dalla CIA in Colombia, con balck out che causano la morte di decine di pazienti negli ospedali.

Luciano Bonazzi

Fonti: telesurtv.net e tutti i link esterni inseriti nel testo.

Geopolitica

Informazioni su lantiepistocrate

Sono Bolognese, classe 1961, ex-tecnico commerciale, scrittore, viaggiatore, missionario laico. Mi occupo di geopolitica, cronaca, curiosità e tanto altro. Ho fatto il tirocinio giornalistico a Buone Notizie Bologna magazine, gestisco dal 2015 il blog Orizzonti Geopolitici - Bologna Metropolitan Gazette e dal 3 giugno 2018 il Blog Consapevolezza Polemica. Difendo a spada tratta la libertà d'opinione garantita dall'art. 21 della Costituzione della Repubblica italiana.

Precedente 70° NATO: I ministri degli esteri approvano il "pacchetto" anti-Russia Successivo #NoNato CONTRO-CELEBRAZIONE A FIRENZE DEL 70° DELLA NATO